• Paté di cipolla

     5,04
  • Paté di olive

     4,50
  • Il Pecorino, che vanta la più lunga tradizione casearia pugliese, è un formaggio dalla forma cilindrica, a pasta dura cruda, ottenuto dal latte ovino ed è prodotto da fine inverno ad estate inoltrata. Può essere sottoposto a breve o lunga stagionatura. Nel primo caso, la maturazione dura circa 1 mese e il pecorino presenta pasta morbida di colore giallo chiaro, con occhiatura quasi assente, con un peso di circa 1 kg; nel secondo caso, invece, la maturazione può durare anche un anno e il formaggio presenta una crosta rugosa, coriacea, di colore giallo scuro tendente al marroncino, con un peso che può variare da 1 a 3 kg. Il sapore e l’odore sono molto intensi.
  • Il Pier delle Vigne nasce nel 1991 e da allora, con esclusione della vendemmia 2002, è stato sempre proposto ai suoi massimi livelli. Dedicato al braccio destro di Federico Il di Svevia ed a cui si deve l’introduzione delle prime uve a bacca rossa in zona, è prodotto con un’attenta selezione di uve Montepulciano e Aglianico, provenienti dai nostri migliori vigneti. Un vino potente ed elegante, un must ormai tra i vini rossi di Puglia. È ottenuto dai vitigni Aglianico (60%) e Montepulciano (40%).

    Fonte: Botromagno - Vigneti & Cantine

  • Pistacchio

     4,00
    Il pistacchio è originario del Medio Oriente, dove veniva coltivato già in età preistorica. L'alimento, formato per l'83% da lipidi, per il 12% da proteine e per il 5% da carboidrati, è un valido alleato nella lotta al colesterolo e ai trigliceridi; il suo consumo regolare aiuta nel controllo della pressione arteriosa e fornisce la corretta dose di antiossidanti, riducendo, così, il rischio di malattie cardiovascolari.
  • Considerato da molti il più grande vino bianco di Puglia. Dal colore paglierino intenso, all'olfatto sprigiona il suo sentore di mela, pesca, melone e miele. Il suo gusto è fruttato, rotondo con un'acidità equilibrata. È ottenuto dai vitigni Greco Mascolino, Greco, Malvasia.

    Fonte: Botromagno - Vigneti & Cantine

  • Il Primitivo è una delle uve più antiche e nobili della Puglia. Introdotto in zona nei primi anni del 1800 dai monaci benedettini, importato probabilmente dalla Croazia. Viene coltivato esclusivamente ad alberello con una resa per ettaro naturalmente bassa. In virtù della esposizione e dell’altitudine (500 m s.l.m.) dei vigneti risulta avere una personalità distinta rispetto agli altri primitivi pugliesi, meno potente nella struttura alcolica, che rimane comunque sostenuta, è più elegante e fragrante rispetto agli altri vini conterranei prodotti con la medesima uva. È ottenuto dal vitigno Primitivo (100%).

    Fonte: Botromagno - Vigneti & Cantine

  • Ricotta forte

     9,36
    La ricotta forte è un prodotto caseario morbido e spalmabile che, a differenza della ricotta fresca, è in grado di mantenersi commestibile per lungo tempo.
  • Rosato dal colore intenso dalla notevole struttura e dalla spiccata personalità è uno dei vini simbolo della Puglia enologica che per prima è riuscita ad affermare in tutto il mondo questa tipologia di vino, così difficile da produrre. Dall'aspetto brillante e dal colore rosato di buona intensità, all'olfatto risulta essere intenso e fruttato, con i suoi profumi di ciliegio sotto spirto e gelsi. Il suo gusto è ricco, avvolgente e complesso. È ottenuto dal vitigno Vigna del Trono.

    Fonte: Botromagno - Vigneti & Cantine

  • Rosolio di alloro

     5,50
    Ottenuto solo da foglie giovani o di germoglio, dal sapore delicatamente speziato, ottimo dopo pasto o centellinato insieme ai fichi secchi mandorlati e cotti nel forno a legna.

    Fonte: Amari & Rosoli

  • Dal delicato e gradevole sapore del basilico fresco, allungato al 50% con acqua tiepida, risulta efficace in presenza di crampi o dolori dovuti a cattiva digestione.

    Fonte: Amari & Rosoli